Caviglia

ARTROSI DELL'ARTICOLAZIONE TIBIO-TARSICA

L'artrosi è una malattia degenerativa della cartilagine articolare, tipica dell'età avanzata. Molto frequente soprattutto nella popolazione anziana, essa può insorgere spontaneamente oppure essere secondaria ad altre patologie (fratture, lussazioni, artrite reumatoide, ecc.). All'interno di quest'ultime, principalmente, si inserisce l'artrosi della caviglia, proprio per la facilità con cui tale articolazione va incontro a trauma. In casi come questi, l'artrosi, detta appunto post-traumatica, può comparire anche in età piuttosto giovane.

Sintomatologia
E' caratterizzata principalmente da dolore e rigidità con progressiva limitazione dell'escursione articolare. Potranno essere presenti tumefazioni e deformazioni articolari. Si potrà instaurare una zoppia e un'instabilità posturale e dei movimenti, con ripercussioni sul resto dell'apparato scheletrico.

Diagnosi
L'anamnesi sarà rivolta ad indagare la presenza di eventuali patologie reumatiche e traumi pregressi all'articolazione tibio-tarsica. L'esame clinico valuterà l'escursione articolare, la presenza di deformità, la sintomatologia dolorosa e il grado di invalidità.
Per inquadrare meglio l'estensione e la gravità della malattia sarà sufficiente eseguire una radiografia della caviglia. Talvolta potrà essere richiesta un'integrazione con RMN, TC e scintigrafia ossea.

Trattamento

Il trattamento varia a seconda della gravità della patologia. In generale, soprattutto all'esordio della malattia è importante mantenere una buona mobilità articolare mediante l'esercizio fisico e cicli di fisioterapia. Per il controllo del dolore il trattamento farmacologico prevede l'utilizzo di FANS ed eventualmente di condroprotettori, come acido ialuronico (viscosupplementazione) e condroitinsolfato per via orale o intra-articolare.
Le terapie fisiche impiegate (T.E.N.S, ionoforesi, ultrasuoni, magnetoterapia, laser, ecc.) hanno effetto antalgico e sono d'aiuto per la conservazione della motilità articolare.
E' consigliato anche il ricorso a plantari e tutori per impedire una deambulazione viziosa.
Il trattamento chirurgico è indicato nei casi avanzati che non rispondono ai trattamenti conservativi.

Trattamento con ProNexibus®
L’uso del ProNexibus® permette di ottenere risultati di piena efficacia nel contenimento della sintomatologia dolorosa in caso di artrosi  tibio-tarsica. Il calore prodotto dalle alte frequenze, inducendo vasodilatazione, ha effetto antinfiammatorio e rilassa le strutture capsulo-legamentose del collo del piede. L'effetto antalgico, per azione diretta sulle terminazioni nervose e per il rilascio di endorfine, è evidente fin dalla prime sedute e permette al paziente di eseguire con più facilità gli esercizi volti a conservare la mobilità articolare.

Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo: non costituiscono e non provengono né da prescrizione né da consiglio medico. La Focusmed Srl ed i suoi dipendenti e/o collaboratori non danno consigli medici.
Le informazioni presenti in questa sito, ed in particolare su questa pagina non sostituiscono il parere del medico; evidenziamo, oltre ciò, che persone diverse che presentino gli stessi sintomi molto spesso necessitano di cure differenti, per via della complessità di alcuni casi clinici.
Le informazioni fornite in questo sito, ivi comprese le su riportate, sono di natura generale e pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico e/o un fisioterapista  (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione) né vogliono essere consigli per gli stessi. Solo una visita diretta presso un operatore sanitario legalmente riconosciuto ed abilitato alla professione  può portare ad una diagnosi e perciò ad un percorso terapeutico.
Nulla su questo sito  può essere interpretato come un tentativo di offrire un'opinione medica o in altro modo coinvolgere la Focusmed Srl ed i suoi dipendenti e/o collaboratori nella pratica della medicina.
© 2017 Copyright Focusmed srl, Tutti i diritti sono riservati - Cookie Policy - Hosting by mvmnet.com